NEO-MAMME: UN AIUTO SI, MA DA CHI????

La percentuale di donne/neo-mamme che decide di abbandonare il proprio posto di lavoro alla nascita del suo primo figlio è allarmante: ben il 27%. Ma cerchiamo di capire cosa le induce ad una scelta simile.

FIGLI

La maggior parte dei casi non è assolutamente una scelta voluta e pianifica, la donna si sente costretta ad abbandonare il proprio lavoro e quindi con esso anche l’aspettativa di una carriera perché MANCANO GLI AIUTI e le INFRASTRUTTURE necessarie a far sì che la donna possa tranquillamente riprendere il lavoro con serenità.

Abbiamo tanto sentito parlare questo anno degli aiuti (famosa legge Fornero) che il Governo intende stanziare alle neo-mamme in termini economici attraverso il cosiddetto “bonus”: questo contributo si aggira intorno ai 300 euro mensili ( né parliamo in termini probabili perché nessuno ancora l’ha visto in giro!)  per un massimo di sei mesi che andrà a favore delle mamme per aiutarle a pAgare la baby-sitter o la retta dell’asilo per il suo rientro al lavoro.

La somma di denaro verrà direttamente elargita dallo Stato all’asilo per conto della mamma mentre per le baby-sitter saranno utilizzati buoni per il lavoro occasionale. Ma dove sta l’inghippo???

Il bonus potrà essere usufruito durante il primo anno di vita del bambino , ma SOLO rinunciando per lo stesso periodo al congedo facoltativo successivo alla maternità obbligatoria.

Quindi a conti fatti che aiuto è? Lo stato ti dà una mano e dall’altra ti toglie qualcosa di cui hai pienamente diritto, i 6 mesi di aspettativa retribuito al 30% dello stipendio che si possono chiedere fino al compimento del terzo anno del bambino.

figli

La richiesta si potrà fare solo via internet in un solo giorno (pensate che sovraccarico di richieste sul sito) e avendo precedentemente fatto richiesta, per chi non né è ancora in possesso, di un codice Pin all’Inps, verrà poi formulata una graduatoria nazionale SEMPRE con il solito valore Isee e come secondo criterio l’ordine di presentazione della domanda.

Inoltre il Governo ha elargito al neo-papà di godere di 1 giorno di permesso obbligatorio pagato al 100% (che non ci sprechiamo!) e altri 2 giorni facoltativi sempre pagati al 100%, aspettate però… SOLO SE LA MADRE RINUNCIA  a due giorni della sua maternità obbligatoria!!!! NO COMMENT.

Annunci

5 risposte a “NEO-MAMME: UN AIUTO SI, MA DA CHI????

  1. I’m very happy to discover this weƅ site. I want to to tҺank you for youг time just fоr this wonderful read!!
    I dᥱfinitely appreciated every little bit of it and I have you boօk marked to
    loоk at new information in your site.

  2. Hellߋ it’s me, I am also visiting this wеb sitе on a гegular basis,
    this web site is actually nice and tһe peopⅼe
    aгe actually sharing nice thߋughts.

  3. What a mɑteriаl of un-ambiguity and preserveness of precious knowledǥe concerning unpredicted emotions.

  4. Ԝhen some one searches for his vital thing, so he/she wants to be available that in detaіl, therefоre that thing is maintained oᴠer here.

  5. Hmm іt seems like your website ɑte my first comment (it was еxtremely
    long) so I guess I’ll just sum it up what I had wrіtten and say, I’m thoroughly enjoying your blօg.

    I toօ am an aspiring blog blogger but I’m still new to the whole thing.
    Do yoս have any helpful hints for rookie blog
    writers? I’d genuinelу appreciate it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...